NotizieBlogFinanziare lo sviluppo in tempi di credit crunch

Finanziare lo sviluppo in tempi di credit crunch

Blog

Con il credit crunch, e l’inasprimento dei requisiti di patrimonializzazione per il settore bancario, siamo davanti a un cambio di paradigma nel finanziamento della crescita e dello sviluppo delle aziende, passando da una logica di solo debito bancario a un mix di debito bancario più capitale di rischio. Questo cambio di paradigma non riguarda solo le aziende di grande dimensioni, ma influisce sempre di più anche sul settore delle PMI, costrette a rivedere prassi consolidate nel rapportarsi con il mondo finanziario per reperire le risorse necessarie al proprio progetto imprenditoriale.


Lo studio pubblicato a inizio 2015 da Cer – Confcommercio intitolato “Il credito che manca” concludeva che

“in valori assoluti, alle PMI mancherebbero oggi crediti per 3,4 miliardi di euro, che si aggiungono ai quasi 11 miliardi venuti a mancare nel triennio 2011-2013”.

Dall’inizio del 2012 a fine novembre 2014, le aziende e le famiglie produttrici italiane hanno retrocesso al sistema bancario risorse per 153 miliardi di euro a valore assoluto (ovvero i crediti netti sono calati di 153 miliardi di euro), e a fine 2014 il valore mensile delle retrocessioni era ancora di 3,7 miliardi di euro.
Queste sono cifre da capogiro. Certo le condizioni di accesso al credito per le aziende italiane e non solo, grazie anche al Quantitative Easing della BCE, stanno lentamente migliorando, come indicano gli ultimi dati pubblicati da Bankitalia nel suo bollettino mensile; da fine 2013 il trend negativo dei prestiti bancari inizia a rallentare, ma solo a partire da inizio 2016 torna (a malapena) con segno più: solo a partire da quest’anno, quindi, riprende a crescere, a valori assoluti, la massa dei prestiti bancari alle società non finanziarie e alle famiglie produttive. Il cammino da percorre rimane dunque molto lungo.

 

Cosa significa questo per un’impresa con un progetto di crescita e la necessità di reperire risorse finanziarie a supporto di tale progetto?
Innanzitutto il credit crunch e la crisi finanziaria hanno determinato, da parte di tutti i soggetti finanziari, una cosìdetta “flight to quality”: le (minori) risorse disponibili sono state indirizzate verso progetti di qualità, con rischio modesto o comunque chiaramente valutabile. Le banche prestano soldi ad aziende ritenute credibili e affidabili, in base non solo al track record creditizio e all’assenza di segnalazioni in centrale rischi, ma anche alla qualità delle informazioni presentate: qualità che dipende direttamente dalla bontà e chiarezza del sistema di pianificazione strategica ed economico-finanziaria dell’impresa stessa. Le aziende devono quindi comunicare meglio con le banche, ma prima ancora devono pianificare meglio il loro fabbisogno finanziario.
In secondo luogo, sempre più imprese guardano a fonti diverse rispetto a quelle bancarie per finanziare i loro progetti di internazionalizzazione e crescita. Nel 2015, nonostante un mercato caratterizzato da un elevato livello di incertezza, ci sono state ben 32 nuove aziende ammesse alla Borsa di Milano, con 27 collocamenti: si tratta del numero di operazioni più alto dal 2007. Di queste, 8 sono state sul mercato MTA e il resto sull’AIM, dedicato alle PMI, con requisiti di accesso più flessibili, per agevolare l’accesso di aziende sane ma meno strutturate.

Anche il mondo del Private Equity è stato protagonista di una crescita importante. La pubblicazione Private Equity Monitor segnala che nel 2015 le 109 operazioni realizzate rappresentano un incremento del 22% rispetto all’anno precedente, con oltre la metà delle operazioni concluse da fondi non domestici.
Infine, la ricerca di un partner industriale rappresenta una terza via per supportare progetti di sviluppo, soprattutto da parte di aziende innovative ma piccole che hanno bisogno di fare crescere rapidamente le proprie capacità operative e commerciali.
Tra le opzioni “a mercato” disponibili, non esiste una strada corretta per tutte le imprese: la scelta da intraprendere è frutto sia della volontà imprenditoriale che delle caratteristiche endogene dell’azienda. Le tre soluzioni evidenziate hanno tutte implicazioni diverse sia in termini di autonomia gestionale, sia per quanto riguarda il grado di trasparenza delle comunicazioni con il mercato, sia per quanto riguarda l’orizzonte temporale in cui un potenziale investitore si aspetta di avere un ritorno economico.

In tutti questi casi, tuttavia, l’imprenditore che crede di possedere l’intuizione giusta, accompagnata da risorse e strumenti idonei, deve iniziare a pianificare correttamente il lavoro, affrontando prima della parte operativa quella progettuale.
Il progetto imprenditoriale non può più essere lasciato all’improvvisazione come nel passato in cui, nella peggiore delle ipotesi, c’era il ricorso al capitale di credito: se il settore bancario appare sempre più legato a sistemi di rating rigidi, gli investitori privati guardano alla bontà del progetto di sviluppo nel suo complesso: elaborare, correggere e infine fissare una strategia è il compito più arduo e contemporaneamente il grande vantaggio competitivo che permette sviluppo e crescita. I tanti documenti progettuali che vengono prodotti in azienda sono spesso costruiti su misura della specifica area funzionale interessata, mentre il vero scopo da perseguire è la creazione di un disegno unico, che includa la totalità dell’azienda e che venga comunicato all’azienda stessa, coinvolgendone ogni livello. Abbracciando la filosofia della progettualità è dunque possibile compiere il vero salto di qualità e uscire vincenti dal confronto con il mercato.


SCOA

Cosa sono i cookies Un “cookie” è un file di testo salvato nel computer dell’utente nel momento in cui questo accede ad un sito web con lo scopo di fornire informazioni ogni volta che l’utente ritorna sullo stesso sito. E’ una sorta di promemoria della pagina internet visitata. Con il cookie, il server web invia informazioni al browser dell’utente (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) memorizzate sul computer di quest’ultimo, e saranno rilette ed aggiornate ogni qual volta l’utente ritornerà sul sito. In questo modo il sito Web può adattarsi automaticamente all’utente. Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti. In funzione della loro durata, si distinguono in cookie di sessione (ossia quelli temporanei e cancellati automaticamente dal terminale al termine della sessione di navigazione, chiudendo il browser) ed in cookie persistenti (ossia quelli che restano memorizzati sul terminale fino alla loro scadenza o cancellazione da parte dell’utente). In base alla funzione e alla finalità di utilizzo, i cookie possono suddividersi in cookie tecnici e cookie di profilazione. Cookie tecnici Alcuni cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web. Questi cookie, cosiddetti tecnici, sono spesso utili per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. I cookie tecnici sono quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente. A questa categoria appartengono anche gli analytics cookie. Si tratta di cookie che raccolgono informazioni circa l’utilizzo che un utente fa di un sito web e che consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio gli analytics cookie mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo di un sito web e aiutano a comprendere ogni difficoltà che l’utente incontra nell’utilizzo. Cookie di profilazione Altri cookie possono invece essere utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati. Si parla in questo caso di cookie di profilazione. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente ai sensi dell’art. 7 del Regolamento UE 2016/679. Cookie di terze parti Può accadere anche che una pagina web contenga cookie provenienti da altri siti e contenuti in vari elementi ospitati sulla pagina stessa, come ad esempio banner pubblicitari, immagini, video, mappe o specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, questi cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi da questo sito web. Parliamo, in questi casi, dei cosiddetti cookie terze parti, che di solito sono utilizzati a fini di profilazione. L’utilizzo di questi cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Tipologie di cookie utilizzati dal nostro sito Le funzioni principali dei cookies installati da SCOA.IT sono tecniche, vengono utilizzati per migliorare costantemente il Servizio, per l’autenticazione, per fini statistici, come il conteggio delle visite al sito. L’utilizzo di cookies è dunque strettamente finalizzato a facilitare le funzioni del server di durante la navigazione del Servizio. Il sito consente inoltre l’invio dei seguenti cookie di terze parti. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità, per maggiori informazioni, pertanto, è possibile accedere all’informativa ed ai moduli di acquisizione del consenso delle terze parti, cliccando sui link riportati. Per migliorare il sito web e comprendere quali parti o elementi siano maggiormente apprezzati dagli utenti, sono utilizzati come strumento di analisi anonima e aggregata, i cookie di terza parte di Google Analytics. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità, per maggiori informazioni, pertanto, è possibile consultare l’informativa fornita da Google. Le pagine del sito web incorporano al loro interno alcuni widget e pulsanti di condivisione di Facebook e Google Plus, per permettere all’utente di condividere i contenuti del sito web sui propri canali social, e di interagire con i nostri canali. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità, ma sono creati rispettivamente da Facebook e Google nel momento in cui si utilizza il rispettivo widget o pulsante di condivisione. Per saperne di più visitare le seguenti pagine informative: Facebook e Google. Alcune pagine web incorporano al loro interno dei contenuti video di YouTube. Visitando una pagina contenente un video, o facendo clic per visualizzare il video, potrebbero essere richiamati cookie provenienti da YouTube. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità. Per saperne di più visitare la pagina informativa di Google. Il sito internet potrebbe utilizzare i programmi di Facebook ADS gestito da Facebook Inc., Google Adwords e la tecnologia Google Remarketing, gestiti da Google Inc. Anche la funzione monitoraggio delle conversioni di Facebook ADS e AdWords utilizza i cookie per aiutarci a tenere traccia delle vendite e di altre conversioni. Gestione dei cookie L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai cookie attraverso le funzionalità presenti nei comuni browser che consentono di cancellare/rimuovere i cookie (tutti o alcuni) o di cambiare le impostazioni del browser stesso in modo da bloccare l’invio dei cookie o di limitarlo a siti specifici (rispetto ad altri). Pertanto è possibile negare l’utilizzo dei cookie, seguendo la procedura di disabilitazione prevista dal proprio browser. Di seguito si riportano le modalità proposte dai principali browser: Microsoft Windows Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, Apple Safari, Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser. Per avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente si rinvia al link:http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte Plugin Social Network Il sito SCOA.IT incorpora anche plugin e/o comandi per i social network, al fine di consentire una facile condivisione dei contenuti sui vostri social network preferiti. Tali plugin sono programmati in modo da non impostare alcun cookie all’accesso della pagina, per salvaguardare la privacy degli utenti. Eventualmente i cookie vengono impostati, se così previsto dai social network, solo quando l’utente fa effettivo e volontario uso del plugin. Si tenga presente che se l’utente naviga essendo loggato nel social network allora ha già acconsentito all’uso dei cookie veicolati tramite questo sito al momento dell’iscrizione al social network. La raccolta e l’uso delle informazioni ottenute a mezzo del plugin sono regolati dalle rispettive informative privacy dei social network, alle quali si prega di fare riferimento. Facebook – (link informativa cookie) Twitter – (link informativa cookie) LinkedIn – (link informativa cookie) Google+ – (link informativa cookie). La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche connesse all’eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all’aggiornamento o erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente/visitatore è invitato a consultare periodicamente questa pagina SCOA.IT.

OK

2021 © Copyright - SCOA | Credits: Maurizio Guermandi Srl