NotizieBlogSTAKEHOLDER ENGAGEMENT: COME GENERARE VALORE CONDIVISO

STAKEHOLDER ENGAGEMENT: COME GENERARE VALORE CONDIVISO

Blog, News

Con il termine “sostenibilità d’impresa” si vuole indicare un’entità economica che mantiene un comportamento virtuoso nei confronti della comunità e del territorio in cui opera, non soffermandosi solo sull’obiettivo di creare valore per i propri soci ma estendendo la propria responsabilità anche su temi etici e, quindi, di natura ambientale e sociale. Negli ultimi anni il filone della sostenibilità d’impresa ha acquisito sempre più rilevanza sociale e ha portato le imprese ad adottare un modello di business più integrato e impegnato verso la comunità di riferimento, con l’obiettivo di creare valore per se stessi e per gli stakeholder di riferimento. Finora tale approccio è stato adottato da imprese di grandi dimensioni, in forma volontaria, e da aziende con titoli quotati su mercati regolamentati, in via obbligatoria, essendo prevista dalla normativa sulla rendicontazione non finanziaria, per via dell’influenza che hanno verso il mondo esterno e, di conseguenza, per via della responsabilità sociale che hanno verso gli stakeholder di riferimento. Ma le nuove iniziative internazionali sul tema del cambiamento climatico, nonché l’estensione normativa messa in atto dall’Unione Europea in tema di rendicontazione non finanziaria, indurranno anche le PMI ad essere nelle condizioni di poter applicare tale approccio e di far emergere le sue potenzialità.

In particolare, attraverso la redazione della Reportistica di sostenibilità, l’impresa di piccola o media dimensione potrà determinare la metodologia ottimale di coinvolgimento degli stakeholder per comprendere quali sono le loro aspettative relativamente all’azienda sotto il profilo ESG (Environment, Social, Governance) e capirne i relativi vantaggi strategici. A tal proposito, i vantaggi di tale metodologia nei confronti degli stakeholder sono individuabili nella possibilità da parte dell’azienda di:
• poter conoscere le esigenze che gli stessi hanno relativamente all’azienda così da individuare anche le aree di miglioramento in ambito ESG;
• poter accrescere la reputazione aziendale nei loro confronti;
• influenzare i portatori d’interesse affinché migliorino i processi decisionali e le azioni che hanno un impatto sull’attività di impresa, in coerenza con il concetto di “doppia materialità” prevista dalla normativa sulla rendicontazione di sostenibilità;
• poter individuare le risorse necessarie con l’obiettivo di risolvere problematiche sociali e ambientali che le singole organizzazioni non sarebbero in grado di raggiungere singolarmente;
• costruire una strategia proattiva e incentrata a creare valore condiviso nel lungo periodo.

L’insieme dei vantaggi che tale metodologia può fornire all’azienda possono rappresentare una vera “arma” strategica sotto il profilo del posizionamento competitivo sui mercati di riferimento. Essere un’azienda “ESG compliant” e adottare il coinvolgimento degli stakeholder nel processo di rendicontazione di sostenibilità, comporta indubbiamente delle ricadute ed esternalità positive sull’intera filiera e sulla valorizzazione della catena del valore, come anche i recenti studi e casi dimostrano. Migliorare le relazioni e la fiducia, nonché essere attenti e responsabili verso tematiche ambientali e sociali, innesca un circolo virtuoso in cui l’impatto sociale non riguarda solamente le aziende che partecipano ad una determinata filiera, ma si estende a tutte le comunità di riferimento coinvolte lungo il processo di creazione di valore. Infatti, tale impostazione consente di compiere un passaggio culturale che vede da un lato la creazione di valore per le singole aziende e dall’altro la “creazione di valore condiviso”.

Questo perché gli stakeholder non sono da considerarsi solo come soggetti sui quali l’impresa ha un impatto, ma sono anche gli attori che influiscono sull’attività aziendale in base alle proprie decisioni o politiche da adottare. Il processo di coinvolgimento di questi soggetti è fondamentale per capire il cambiamento derivante da un progetto aziendale, per individuare gli indicatori necessari alla misurazione di tale cambiamento e per individuare le aree di impatto. Tale processo, che consiste in una forma di collaborazione tra soggetti, consente all’azienda di realizzare progetti e prodotti innovativi sapendo ascoltare anche le esigenze e le necessità dei soggetti di riferimento e creando, di conseguenza, valore condiviso.
I passaggi chiave per l’inclusione degli stakeholder nel processo di materialità sono individuabili in:

– mappatura, che consiste in un’attività preliminare di individuazione dei principali portatori d’interesse per il progetto specifico o per l’intera organizzazione aziendale.

– prioritizzazione, che consiste nell’attività di ordinamento degli stakeholder per ordine di significatività rispetto al progetto o all’intera organizzazione aziendale e di pianificazione dell’attività di coinvolgimento.

– Coinvolgimento, che avviene mediante processo di “doppia materialità” atto a rilevare le tematiche considerate rilevanti per gli stakeholder nei confronti del progetto o dell’organizzazione aziendale e, al tempo stesso, quali sono le tematiche sulle quali si può avere un impatto significativo.

Il processo di stakeholder engagement che abbia come obiettivo quello di migliorare la sostenibilità dell’azienda deve essere svolto secondo le metodologie maggiormente riconosciute, così da allineare la pratica adottata dall’azienda con quella conforme alle linee guida di riferimento a livello internazionale. In particolare si fa riferimento all’AA1000 2008 – Accountability Principles Standards – , il quale fornisce le indicazioni su come fare affinché il coinvolgimento sia allineato con il processo di definizione della strategia d’impresa, ma anche ai principi GRI e a quanto previsto dalla proposta CRSD (Corporate Sustainability Reporting Directive). Il principio cardine di questo framework è l’inclusività, il quale consente che i metodi di coinvolgimento adottati determinino un’integrazione tra esigenze degli stakeholder e strategie d’impresa volti alla generazione di valore condiviso sul territorio e lungo la catena del valore.
                                                                                                      S CO A – ESG ITALIA


SCOA

Cosa sono i cookies Un “cookie” è un file di testo salvato nel computer dell’utente nel momento in cui questo accede ad un sito web con lo scopo di fornire informazioni ogni volta che l’utente ritorna sullo stesso sito. E’ una sorta di promemoria della pagina internet visitata. Con il cookie, il server web invia informazioni al browser dell’utente (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) memorizzate sul computer di quest’ultimo, e saranno rilette ed aggiornate ogni qual volta l’utente ritornerà sul sito. In questo modo il sito Web può adattarsi automaticamente all’utente. Nel corso della navigazione l’utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (cookies di “terze parti”), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti. In funzione della loro durata, si distinguono in cookie di sessione (ossia quelli temporanei e cancellati automaticamente dal terminale al termine della sessione di navigazione, chiudendo il browser) ed in cookie persistenti (ossia quelli che restano memorizzati sul terminale fino alla loro scadenza o cancellazione da parte dell’utente). In base alla funzione e alla finalità di utilizzo, i cookie possono suddividersi in cookie tecnici e cookie di profilazione. Cookie tecnici Alcuni cookie sono usati per eseguire autenticazioni informatiche, monitoraggio di sessioni e memorizzazione di informazioni specifiche sugli utenti che accedono ad una pagina web. Questi cookie, cosiddetti tecnici, sono spesso utili per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. I cookie tecnici sono quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente. A questa categoria appartengono anche gli analytics cookie. Si tratta di cookie che raccolgono informazioni circa l’utilizzo che un utente fa di un sito web e che consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio gli analytics cookie mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo di un sito web e aiutano a comprendere ogni difficoltà che l’utente incontra nell’utilizzo. Cookie di profilazione Altri cookie possono invece essere utilizzati per monitorare e profilare gli utenti durante la navigazione, studiare i loro movimenti e abitudini di consultazione del web o di consumo (cosa comprano, cosa leggono, ecc.), anche allo scopo di inviare pubblicità di servizi mirati e personalizzati. Si parla in questo caso di cookie di profilazione. L’utilizzo di detti cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente ai sensi dell’art. 7 del Regolamento UE 2016/679. Cookie di terze parti Può accadere anche che una pagina web contenga cookie provenienti da altri siti e contenuti in vari elementi ospitati sulla pagina stessa, come ad esempio banner pubblicitari, immagini, video, mappe o specifici link a pagine web di altri domini che risiedono su server diversi da quello sul quale si trova la pagina richiesta. In altre parole, questi cookie sono impostati direttamente da gestori di siti web o server diversi da questo sito web. Parliamo, in questi casi, dei cosiddetti cookie terze parti, che di solito sono utilizzati a fini di profilazione. L’utilizzo di questi cookie necessita dell’acquisizione preventiva del libero consenso informato dell’utente. Tipologie di cookie utilizzati dal nostro sito Le funzioni principali dei cookies installati da SCOA.IT sono tecniche, vengono utilizzati per migliorare costantemente il Servizio, per l’autenticazione, per fini statistici, come il conteggio delle visite al sito. L’utilizzo di cookies è dunque strettamente finalizzato a facilitare le funzioni del server di durante la navigazione del Servizio. Il sito consente inoltre l’invio dei seguenti cookie di terze parti. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità, per maggiori informazioni, pertanto, è possibile accedere all’informativa ed ai moduli di acquisizione del consenso delle terze parti, cliccando sui link riportati. Per migliorare il sito web e comprendere quali parti o elementi siano maggiormente apprezzati dagli utenti, sono utilizzati come strumento di analisi anonima e aggregata, i cookie di terza parte di Google Analytics. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità, per maggiori informazioni, pertanto, è possibile consultare l’informativa fornita da Google. Le pagine del sito web incorporano al loro interno alcuni widget e pulsanti di condivisione di Facebook e Google Plus, per permettere all’utente di condividere i contenuti del sito web sui propri canali social, e di interagire con i nostri canali. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità, ma sono creati rispettivamente da Facebook e Google nel momento in cui si utilizza il rispettivo widget o pulsante di condivisione. Per saperne di più visitare le seguenti pagine informative: Facebook e Google. Alcune pagine web incorporano al loro interno dei contenuti video di YouTube. Visitando una pagina contenente un video, o facendo clic per visualizzare il video, potrebbero essere richiamati cookie provenienti da YouTube. Questi cookie non sono strumenti di nostra titolarità. Per saperne di più visitare la pagina informativa di Google. Il sito internet potrebbe utilizzare i programmi di Facebook ADS gestito da Facebook Inc., Google Adwords e la tecnologia Google Remarketing, gestiti da Google Inc. Anche la funzione monitoraggio delle conversioni di Facebook ADS e AdWords utilizza i cookie per aiutarci a tenere traccia delle vendite e di altre conversioni. Gestione dei cookie L’utente può gestire le proprie preferenze relative ai cookie attraverso le funzionalità presenti nei comuni browser che consentono di cancellare/rimuovere i cookie (tutti o alcuni) o di cambiare le impostazioni del browser stesso in modo da bloccare l’invio dei cookie o di limitarlo a siti specifici (rispetto ad altri). Pertanto è possibile negare l’utilizzo dei cookie, seguendo la procedura di disabilitazione prevista dal proprio browser. Di seguito si riportano le modalità proposte dai principali browser: Microsoft Windows Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, Apple Safari, Google Analytics scaricando uno specifico plug-in del browser. Per avere informazioni sui cookie archiviati sul proprio terminale e disattivarli singolarmente si rinvia al link:http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte Plugin Social Network Il sito SCOA.IT incorpora anche plugin e/o comandi per i social network, al fine di consentire una facile condivisione dei contenuti sui vostri social network preferiti. Tali plugin sono programmati in modo da non impostare alcun cookie all’accesso della pagina, per salvaguardare la privacy degli utenti. Eventualmente i cookie vengono impostati, se così previsto dai social network, solo quando l’utente fa effettivo e volontario uso del plugin. Si tenga presente che se l’utente naviga essendo loggato nel social network allora ha già acconsentito all’uso dei cookie veicolati tramite questo sito al momento dell’iscrizione al social network. La raccolta e l’uso delle informazioni ottenute a mezzo del plugin sono regolati dalle rispettive informative privacy dei social network, alle quali si prega di fare riferimento. Facebook – (link informativa cookie) Twitter – (link informativa cookie) LinkedIn – (link informativa cookie) Google+ – (link informativa cookie). La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche connesse all’eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all’aggiornamento o erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente/visitatore è invitato a consultare periodicamente questa pagina SCOA.IT.

OK

2021 © Copyright - SCOA | Credits: Maurizio Guermandi Srl