NotizieBlogBonus 200 euro ai lavoratori: a chi spetta e quando verrà erogato

Bonus 200 euro ai lavoratori: a chi spetta e quando verrà erogato

Blog, News

Countdown per il bonus da 200 euro. La misura di sostegno al reddito, introdotta dal governo con il decreto Aiuti del 2 maggio, arriverà a luglio. Il bonus, nel dettaglio, è rivolto a lavoratori dipendenti, autonomi e pensionati con redditi fino a 35mila euro lordi. Si tratta di una misura estesa anche a disoccupati, stagionali, colf e percettori di reddito di cittadinanza e secondo le stime del governo  dovrebbe interessare 30 milioni di persone.

L’erogazione è diversa a seconda della categoria dei beneficiari. Per i lavoratori dipendenti, sia del settore pubblico che privato, non c’è bisogno di inoltrare alcuna domanda, l’erogazione avviene in via automatica per chi ha un reddito annuo al di sotto dei 35 mila euro. Spetterà, poi, ai datori in sede di conguaglio a fine anno verificare l’erogazione ed eventualmente recuperare l’importo, suddiviso in otto rate.

Per i pensionati tutto dipende dall’Inps che avrà il compito di erogare i 200 euro con la mensilità di luglio ai titolari di pensione, ai “pre-pensionati” e ai disoccupati che a giugno avranno ricevuto l’assegno di disoccupazione. Per calcolare il tetto dei 35 mila si procederà tenendo conto dei redditi di qualsiasi natura (compresi quelli esenti da imposta o soggetti a ritenuta alla fonte o a imposta sostitutiva), ma saranno esclusi il reddito della casa di abitazione e le sue pertinenze, i trattamenti di fine rapporto e le competenze arretrate sottoposte a tassazione separata, l’assegno al nucleo familiare, gli assegni familiari e l’assegno unico universale. L’indennità non può essere ceduta, sequestrata o pignorata e non costituisce reddito né ai fini fiscali né ai fini della corresponsione di prestazioni previdenziali e assistenziali.

Con le modifiche apportate al decreto, il bonus da 200 euro sarà erogato anche a coloro che percepiscono in reddito di cittadinanza. L’erogazione non sarà, però, automatica: l’istituto provvederà a fare le necessarie verifiche per escludere chi già ottiene il bonus in quanto pensionato e le famiglie dove risulta che uno dei componenti (con reddito sotto i 35 mila euro) ha diritto al bonus come lavoratore dipendente.

Previsto il bonus anche per i lavoratori autonomi e i professionisti. Per l’erogazione è stato istituito un fondo apposito, i cui dettagli saranno definiti in un ulteriore decreto ministeriale che sarà emanato entro 30 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto Aiuti.


2022 © Copyright - SCOA | Credits: Maurizio Guermandi Srl